Diritto di seguito: pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’elenco degli autori non reperiti

Tempo di lettura ca.: 56 secondi


Come ormai noto, il diritto di seguito è il diritto degli autori di opere d’arte di ricevere un compenso sul prezzo di ogni vendita dell’opera successiva alla prima cessione effettuata dall’autore. La legge sul diritto d’autore (l. n. 633/1941) stabilisce come e quando tale compenso deve essere pagato affinché sia successivamente corrisposto all’autore. Recentemente è stato anche pubblicato un Vademecum sul diritto di seguito, di cui si è già scritto e che merita di essere letto con molta attenzione. L’importo relativo al diritto di seguito deve essere versato, dai soggetti indicati dalla legge, alla SIAE, la quale comunica agli aventi diritto l’avvenuta vendita e la percezione del compenso. Il pagamento delle somme così incassate viene effettuato, al netto della provvigione, solo a favore degli autori che hanno rivendicato il compenso, ovvero che hanno comunicato alla SIAE i propri dati identificativi e gli altri dati richiesti dall’ente. 

LA SIAE

Ci sono numerosi casi in cui la SIAE non può pagare tale compenso perché gli autori o gli eredi non hanno rivendicato il diritto. La SIAE non è tenuta a fare ricerche per identificare gli aventi diritto (autori o eredi), ma deve rendere pubblico, anche tramite il proprio sito istituzionale, l’elenco degli autori non reperiti. Gli importi dovuto agli autori non reperiti sono tenuti a disposizione degli aventi diritto per un periodo di cinque anni, decorso tale termine sono devoluti all’Ente nazionale di previdenza e assistenza per i pittori e scultori, musicisti scrittori ed autori drammatici (ENAP), soppresso e accorpato all’ENPALS, oggi confluito nell’INPS. L’elenco degli autori non reperiti è consultabile sul sito della SIAE, dove sono indicati anche i dati di vendita e gli importi versati a titolo di diritto di seguito.

Raffaella Pellegrino

https://online.siae.it/site/OlafDDS_Autori.asp?click_level=3400.0500.0600