Dopo Napoli, il Comicon arriva a Bergamo. Protagonisti e programma della prima edizione

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 20 secondi


Archiviato il successo dell’edizione napoletana, che ha fatto registrare un’affluenza di pubblico mai così alta nella storia della manifestazione (oltre 170mila biglietti staccati all’ingresso), il Comicon si prepara alla sua versione settentrionale: a ospitare il secondo capitolo della rassegna sarà la città di Bergamo. Sfruttando la buona scia e l’entusiasmo innescati dal titolo di Capitale Italiana della Cultura 2023 insieme a Brescia, la città lombarda accoglierà per la prima volta il festival partenopeo; un’operazione ambiziosa, che punta a trasformare la kermesse, storicamente legata alla città di Napoli e alla realtà meridionale, in un evento diffuso e pronto ad abbracciare gli appassionati di fumetto dell’intera Penisola.

Caravaggio disegnato da Milo Manara

LA PRIMA EDIZIONE DI COMICON BERGAMO

La data da segnare in agenda è il 23 giugno, giorno di apertura della manifestazione, in programma presso i padiglioni di Fiera di Bergamo. È qui che per tre giorni, fino al successivo 25 giugno, mostre, incontri con gli autori, workshop ed eventi speciali prenderanno luogo nei vari ambienti del complesso fieristico, regalando alla città un’occasione di intrattenimento e confronto all’insegna della nona arte. Sono tante le rassegne espositive attese nel weekend: I mondi elastici di Giorgio Cavazzano (personale che ripercorre la carriera dell’eclettico disegnatore e maestro del fumetto europeo), la mostra di Simone Bianchi ispirata al tema della musica, la retrospettiva di Giuseppe Camuncoli e il focus sul fumetto francofono con La bande dessinée francophone européenne, collettiva con oltre trenta artisti della scena francese e belga.

Il poster di Comicon 2023 Bergao disegnato da Mirka Andolfo

LA MOSTRA DI MILO MANARA A BERGAMO

A catalizzare le attenzioni del grande pubblico sarà certamente l’atteso progetto espositivo dedicato alla produzione di Milo Manara. Il mitico fumettista, recentemente protagonista con la nuova versione illustrata de Il nome della rosa di Umberto Eco, sarà ospite negli spazi dell’Ex Chiesa della Maddalena di Bergamo dal 22 giugno al 10 settembre. Vite D’Artista. Da Caravaggio a Fellini – questo il titolo della rassegna, inclusa nel programma ufficiale delle attività di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 – analizzerà le simpatie di Manara nei confronti dei grandi artisti della storia, mettendo al centro del percorso una dimensione ricorrente nella sua opera: il dialogo fra arte e vita. La mostra metterà infatti a fuoco le personalità di Caravaggio, Paolo Veronese, Pablo Picasso, Wolfgang Amadeus Mozart e Federico Fellini, rivisitate attraverso le matite del maestro di Bolzano. Tra gli altri ospiti inclusi nel cartellone anche Sio, Tanino Liberatore e Leo Ortolani, quest’ultimo protagonista di un panel dal titolo Spazio: dal fumetto al gaming e oltre.

Alex Urso