Gli ultimi due mesi di Vincent van Gogh in mostra al Musée d’Orsay di Parigi

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 4 secondi


Era il 20 maggio 1890 quando Vincent van Gogh si recò a Auvers-sur-Oise, nell’Île-de-France, mosso dalla volontà di stare più vicino al fratello Theo e per trovare un nuovo slancio creativo. Reduce dalle crisi avute ad Arles e poi nel manicomio di Saint-Rémy, il pittore si spostò a Auvers anche per la presenza di Paul Gachet, medico specializzato nel trattamento della depressione, ma anche pittore (dilettante) e collezionista, il quale vantava di essere “amico” degli Impressionisti.

Benché il pittore abbia trascorso solo poco più di due mesi nella regione dell’Île-de-France, nella locanda di Ravoux, questo periodo fu particolarmente significativo per la sua ricerca artistica, con la produzione di 74 dipinti e 33 disegni, tra cui opere iconiche come il ritratto del Dottor Gachet, La chiesa di Auvers – sur – Oise e Campo di grano con volo di corvi. Parte anch’essi del gruppo di quaranta dipinti e una ventina di disegni che saranno esposti nella mostra Van Gogh a Auvers – sur – Oise. Gli ultimi mesi, in programma dal prossimo ottobre al Musée d’Orsay di Parigi. Ecco le immagini di alcune delle opere in mostra.

Valentina Muzi

Parigi // dal 3 ottobre 2023 al 4 febbraio 2024
Van Gogh a Auvers – sur – Oise. Gli ultimi mesi
MUSÉE D’ORSAY
www.musee-orsay.fr/

L’articolo “Gli ultimi due mesi di Vincent van Gogh in mostra al Musée d’Orsay di Parigi” è apparso per la prima volta su Artribune®.

​