Il master di IED Firenze per la progettazione degli spazi commerciali del futuro. L’intervista a TIPSTUDIO

Tempo di lettura ca.: 3 minuti, 30 secondi


Preparare una nuova generazione di designer capaci di progettare gli spazi commerciali in ottica di interazione tra luoghi fisici e digitali. È questo l’obiettivo del Master Future Store promosso da IED Firenze per formare professionisti che sappiano gestire un progetto a 360° attraverso un approccio interdisciplinare che spazia tra arte, design, moda e digitale. Il Master, che si avvale dell’importante contributo come mentore dell’artista nata a Parigi da genitori portoghesi Joana Vasconcelos – nota per le sue collaborazioni con i più grandi brand, tra cui Louis Vuitton, Dior, realizzando opere esposte in tutti gli store a livello mondiale  ha come coordinatori TIPSTUDIO. Fondato nel 2019 da Imma Matera e Tommaso Lucarini, lo studio di design ha sede a Firenze e Pietrasanta ed è focalizzato sull’esplorazione di territori, fisici e immateriali, dell’antropologia e analisi concettuali in relazione ai materiali che si traducono in prodotti, spazi e installazioni di design. Ci siamo fatti raccontare da loro struttura, obiettivi e sbocchi lavorativi del Master.

Intervista ai fondatori di TIPSTUDIO, coordinatori di Master Future Store di IED a Firenze

Da quali premesse nasce il master Future Store?
In un mondo in costante mutamento, i negozi hanno subito una trasformazione significativa, amplificata soprattutto dal periodo pandemico. Nell’attuale scenario, gli spazi retail si configurano come ambienti immersivi progettati per creare esperienze multisensoriali e instaurare connessioni più profonde e immediate con i clienti e i brand. Da un lato, i consumatori cercano esperienze sensoriali autentiche, luoghi in cui possono interagire, immergersi e provare emozioni, dall’altro, i brand richiedono spazi progettati appositamente per creare un legame stretto tra loro e il cliente.

Quali necessità va a soddisfare questo master?
In questa prospettiva, la definizione di negozio sta evolvendo e ricerca nuovi modelli per ridefinire l’esperienza d’acquisto. È fondamentale comprendere come gli acquisti e il comportamento dei clienti si evolvano attraverso vari stimoli, dai materiali e dall’illuminazione alle installazioni e al digitale. Lo spazio si trasforma così in più di un semplice ambiente fisico: diventa una narrazione. I brand stanno assumendo un ruolo da narratori per migliorare la percezione dei prodotti e allo stesso tempo consolidare la propria identità offrendo esperienze uniche e personalizzate.

Qual è il suo obiettivo principale?
Attraverso il programma del master, gli studenti svilupperanno e acquisiranno competenze per la progettazione di spazi retail, oltre a strategie di comunicazione e marketing mirate a valorizzare il brand, la sua visione e identità. Il mondo del retail è un ambiente dinamico, vasto, che abbraccia diverse figure e tocca diverse arti. L’obiettivo del master è fornire gli strumenti necessari per formare professionisti che sappiano gestire un progetto a 360° attraverso un approccio interdisciplinare che spazia tra arte, design, moda e digitale.

Cosa è richiesto per l’ammissione e a chi si rivolge?
Per l’ammissione è richiesto un diploma o laurea nelle aree del Design: Disegno Industriale, Architettura o Design d’Interni. Una conoscenza pregressa dei programmi 2D e 3D per la progettazione e competenze in Graphic Design. Il master si rivolge a studenti che abbiano la curiosità di sviluppare un pensiero critico per interpretare i cambiamenti sociali, culturali e le nuove tendenze in relazione al mondo del design.

Quali sono i suoi punti di forza?
Senza dubbio pensiamo che, sia la città Firenze che i professionisti coinvolti rivestono ruoli fondamentali nella definizione del Master. Firenze offre un contesto ideale che fonde tradizione e innovazione su scala internazionale. Da una parte la città vanta un patrimonio culturale ricco e improntato sull’innovazione artistica, dall’altra questo si integra perfettamente con le dinamiche moderne del design e della moda. I professionisti che abbiamo coinvolto sono esperti del settore con esperienze internazionali che ispireranno e guideranno gli studenti nel comprendere le dinamiche di progettazione di spazi retail. 

Chi sono i professionisti coinvolti?
Tra questi, Federica Sala, curatrice e Design advisor che dialoga costantemente con arte, design e architettura, collaborando in Italia ed all’estero con aziende italiane ed internazionali quali Dolce&Gabbana, Cassina, Rizzoli InternationalLuca Trombini esperto in marketing e retail ha lavorato 11 anni in Rinascente come manager del dipartimento retail in Italia ed in Europa, da qualche mese è parte della Lux Holding Company come Head of Product e Retail area. Valentina Guidi Ottobri curatrice e visionaria con esperienza in comunicazione e branding. Ha svolto il ruolo di Junior Buyer presso Luisa Via Roma occupandosi inoltre delle installazioni immersive all’interno del concept store a Firenze. David Hartono co-founder di Monogrid, digital studio che combina visual art e tecnologia esplorando il mondo virtuale con le nuove tecnologie. Tra i loro clienti Vogue, Maserati, Gucci. Questi sono alcuni dei docenti con cui avremo il piacere di collaborare e che con noi guideranno gli studenti in un percorso creativo e professionale.

Quali sono gli sbocchi lavorativi del master?
L’obiettivo del Master è stimolare e preparare gli studenti ad operare in modo strategico. L’idea è di formare figure professionali capaci di coordinare un progetto di retail innovativo non solo per aziende, brand, ma anche in contesti più ampi. Attraverso le competenze che acquisiranno durante i 9 mesi gli studenti saranno pronti a svolgere ruoli nel campo del design di interni, nell’organizzazione di eventi e nell’allestimento di spazi retail, in società di comunicazione strategia e marketing, nelle organizzazioni culturali, nelle istituzioni, nonché nelle agenzie di produzione e comunicazione.

Il Master Future Store di IED a Firenze: tra arte e design

Qual è il valore aggiunto di un artista al master offerto dalla collaborazione di Joana Vasconcelos come mentore?
Avere la visual artist internazionale Joana Vasconcelos come mentor del Master è una grande opportunità per instaurare un dialogo e confronto con gli studenti. Joana rappresenta al meglio il connubio tra arte, moda ed esperienza immersiva. Gli store e in generale gli spazi retail stringono collaborazioni con artisti e designer proprio per esplorare l’intersezione che c’è tra arte, moda e spazio retail. Joana Vasconselos ha collaborato con i più grandi brand, tra cui Louis Vuitton, Dior realizzando opere esposte in tutti gli store a livello mondiale. Ha anche lavorato con Christian Louboutin, creando installazioni artistiche esclusive per le loro sfilate e showroom. 

In cosa consisterà il suo contributo?
Joana incontrerà più volte la classe del Master per approfondire e discutere le tematiche inerenti al percorso di studi; condividendo la sua esperienza personale e la sua prospettiva unica sulla combinazione tra arte e moda. Inoltre gli studenti nel corso di Trend lab esploreranno la loro creatività attraverso la progettazione di installazioni artistiche, set e scenografie.

L’articolo “Il master di IED Firenze per la progettazione degli spazi commerciali del futuro. L’intervista a TIPSTUDIO” è apparso per la prima volta su Artribune®.

​