La fotografia di Chris Pig in mostra a Cagliari

Tempo di lettura ca.: 1 minuti


Essendo un po’ introversa, attraverso le mie opere esprimo le mie opinioni e affronto temi che mi stanno a cuore: l’omofobia, il razzismo, le ineguaglianze e qualsiasi argomento di sfondo sociale e politico”, afferma la fotografa Chris Pig in merito al suo lavoro.

La mostra di Chris Pig a Cagliari

Ed è proprio ciò che la mostra Isolation Portrait, promossa dalla Fondazione per l’arte Bartoli Felter a Cagliari, riesce a trasmettere in chi guarda. Percorrendo lo spazio con sguardo attento si potranno scorgere tutti i dettagli, messi sapientemente in evidenza dalla curatrice Roberta Vanali tramite un allestimento sintetico e lineare, che stimola l’occhio del visitatore a scandagliare stoffe vintage dai colori sgargianti, personaggi travestiti di tutto punto all’interno di set sapientemente organizzati in base al concetto da esprimere.
Artista sarda con base a Londra dagli Anni Novanta, Chris Pig possiede un background in fashion design e sartoria che emerge in tutta la sua produzione. Come i teli degli sfondi che creano una sorta di nuova dimensione tra il reale e l’illusorio, ma che si smentisce appena si individua una piccola piega di tessuto sotto i piedi della protagonista. Il progetto esposto a Cagliari è stato realizzato nel 2020 durante la prima fase della pandemia e ne esprime tutto il caos e la drammaticità vissuti all’epoca, nonostante quel senso di surrealtà conferito dalle influenze del cinema hollywoodiano degli Anni Cinquanta e della Pop Art londinese gli Anni Sessanta.

Giovanna Pitzalis

<p>L’articolo “La fotografia di Chris Pig in mostra a Cagliari” è apparso per la prima volta su Artribune®.</p>

​