Lo strabiliante ritorno dei Blur con un vinile da collezione

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 11 secondi


Fra progetti all’avanguardia e reunion tanto attese, quel genio instancabile di Damon Albarn (Londra, 1968) non la smette di sorprendere i suoi fan con trovate a dir poco sbalorditive. Ultima meraviglia partorita da lui e i suoi soci è una straordinaria edizione del loro imminente nuovo album.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Blur (@blurofficial)

IL NUOVO DISCO DEI BLUR

Intitolato The Ballad of Darren (dedica esplicita a Darren “Smoggie” Evans, collaboratore di vecchia data della rockband nonché personale guardia del corpo di Albarn), la nona fatica discografica dei Blur arriva a distanza di otto anni da The magic whip, il disco del 2015 che ha sancito il ritorno sotto i riflettori della popolarissima band britannica, che nei primi anni ’90 ha ammaliato il mondo intero con un genere musicale fresco e sfacciato dalle esplicite reminiscenze sixties: il Britpop. Prodotto da James Ford (già collaboratore di pezzi da novanta quali Depeche Mode, Kylie Minogue e Gorillaz), l’album si compone di ben dieci brani nuovi di zecca. Chi conosce bene Albarn e i Blur sa però che ci si può aspettare un po’ di tutto e infatti le sorprese dall’effetto wow per i fan più incalliti non finiscono qui.

L’EDIZIONE LIMITATA DELL’ALBUM DEI BLUR

Ad anticipare l’uscita ufficiale di The Ballad of Darren è per l’appunto una sua edizione limitata a 10.000 copie numerate a mano che ha fatto saltare dalla sedia tutti i collezionisti dei quattro celeberrimi ragazzacci inglesi. Stampato in esclusiva su picture disc zoetrope animato, il vinile si presenta come un vero e proprio zootropio (iconico dispositivo ottico appartenente alla fase storica del precinema) che, una volta appoggiato sul giradischi, prende magicamente vita. Grazie a questo curioso espediente, l’immagine stampata sopra – che porta la firma nientepopodimeno che del fotografo Martin Parr – viene sezionata in più parti che si muovono creando un effetto a dir poco ipnotico che porta l’ascoltatore a fruire in un modo del tutto nuovo del disco. Purtroppo però le magie non sono destinate a durare per sempre e la brutta notizia che ancora non vi abbiamo dato è che questo piccolo gioiello è già andato sold out così come è stato rilasciato. Non resta allora che accontentarsi della versione normale la cui pubblicazione è prevista per il prossimo 21 luglio sotto l’etichetta Parlophone.

Valerio Veneruso