“Nasceranno i Musei di Capri”. L’annuncio del Ministro della Cultura

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 25 secondi


 Siamo impegnati per restituire Villa Jovis al suo splendore”. Così si è espresso il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano in visita al sito assieme al Direttore generale Musei, Massimo Osanna e il Soprintendente Archeologia per l’area metropolitana di Napoli, Mariano Nuzzo. “Le risorse ci sono e siamo pronti a ulteriori stanziamenti se dovesse servire. Il grande archeologo Amedeo Maiuri definiva questo sito un unicum per le sue straordinarie caratteristiche. L’offerta turistica di Capri, eccellenza globale, deve essere anche un’offerta di cultura di elevata qualità. Tutti i siti statali di Capri entreranno a far parte di un’autonoma direzione, quella dei Musei di Capri”.

Villa Jovis, Capri. Fonte Capri.it

NASCONO I MUSEI DI CAPRI

Nota per essere stata la dimora dell’imperatore romano Tiberio Giulio Cesare Augusto, Villa Jovis – situata sul promontorio est dell’isola – venne scoperta nel XVIII secolo, durante il dominio di Carlo di Borbone. Sebbene la Villa risultava ben conservata, molti dei suoi reperti andarono persi e, solo nel 1932 fu messo in atto un lavoro di recupero capace di valorizzare realmente i resti della storica dimora, e molto si deve all’archeologo Amadeo Maiuri, all’epoca Soprintendente alle Antichità della Campania e Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Villa Jovis, Capri. Fonte Capri.it

L’impianto architettonico si sviluppa su una superficie molto vasta che conta oltre 7mila mq, incorniciata da boschi e giardini. Per il grande sito archeologico il finanziamento erogato è di oltre 7 milioni e 500 mila euro e quasi 5 milioni sono stati destinati al restauro e al consolidamento dei resti archeologici, alla messa in sicurezza dei belvedere e al miglioramento dell’accessibilità ai percorsi di visita. Parte dei fondi, invece, sono dedicati all’installazione di un sistema di videosorveglianza, ad un impianto di illuminazione adeguata e alla bonifica della vegetazione. A breve si completerà anche il restauro della Torre Faro; mentre gli spazi annessi alla piccola Chiesa di Santa Maria del Soccorso ospiteranno un museo virtuale.

Via Krupp. Ph Joe Ciciarelli via Unsplash

LA RIAPERTURA DI VIA KRUPP A CAPRI

Una giornata davvero pregna di avvenimenti per Capri che oggi festeggia anche la riapertura della storica Via Krupp. “Via Krupp simbolo di Capri” come dichiara il Ministro della Cultura, sottolineando che è “una vera e propria opera d’arte da custodire e promuovere. Oggi torna a vivere per offrire ai visitatori e ai cittadini dell’Isola Azzurra uno spettacolo naturalistico senza paragoni, una vista unica che deve essere riportata agli occhi di tutti in nome della bellezza”. Questa storica strada scolpita nella roccia e circondata da pini e da una ricca vegetazione per oltre un chilometro (dai Giardini di Augusto e fino a Marina Piccola), torna ad essere fruibile dopo 9 anni grazie ad un importante intervento di manutenzione del sentiero.

Valentina Muzi 

​