Prende avvio il progetto per rilanciare l’arte contemporanea in Friuli Venezia Giulia  

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 49 secondi


“Il simposio nasce come uno degli elementi del progetto Together/insieme di Erpac – Ente Regionale Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia – che è mirato a realizzare una mappatura delle attività del settore contemporaneo nella regione e a rinforzare il ruolo e la percezione delle arti visive nel tessuto sociale e culturale dell’area” spiega ad Artribune il critico d’arte, Daniele Capra, curatore di Simposio n.1 il progetto avviato nell’ambito di Together/insieme. Un’iniziativa che nasce dall’esigenza di promuovere e di valorizzare la ricerca artistica regionale, coinvolgendo gli “addetti ai lavori” a riflettere sulle urgenze “del sistema dell’arte, che si è particolarmente sfilacciato negli anni scorsi in seguito alla pandemia e ai rapidi cambiamenti che ne sono seguiti”.  

Palazzo Torriani, Galleria Regionale d’Arte contemporanea Luigi Spazzapan, Gradisca d’Isonzo

Galleria Regionale d’Arte contemporanea Luigi Spazzapan, Gradisca d’Isonzo

Musei Provinciali Erpac, Borgo Castello, Gorizia

Fondo Milva Biolcati, Maurizio Corgnati, Galleria Regionale d’Arte contemporanea Luigi Spazzapan, Gradisca d’Isonzo

Fondo Milva Biolcati, Maurizio Corgnati, Galleria Regionale d’Arte contemporanea Luigi Spazzapan, Gradisca d’Isonzo

Italia Cinquanta Moda e Design. Nascita di uno stile, Palazzo Attems Petzenstein, Gorizia

Italia Cinquanta Moda e Design. Nascita di uno stile, Palazzo Attems Petzenstein, Gorizia

Italia Cinquanta Moda e Design. Nascita di uno stile, Palazzo Attems Petzenstein, Gorizia

Daniele Capra, Photo: Isabella De Luca

Together/Insieme

SIMPOSIO N. 1 NELL’AMBITO DEL PROGETTO TOGETHER

Artisti, curatori e critici, ma anche gallerie, musei e altre istituzioni sono chiamati “a misurarsi” su temi di grande attualità “in una serie di incontri pubblici a partire da punti di vista naturalmente diversi” continua Capra. “A ciascun dialogo seguirà un sintetico dibattito con la partecipazione del pubblico. Il progetto è inoltre occasione per un confronto tra addetti ai lavori attivi non solo nel Friuli Venezia Giulia, ma anche nei territori limitrofi (Veneto, Trentino, Slovenia e Croazia) attraverso una dinamica che solo un approccio collettivo e coordinato può innescare. Il simposio di Gradisca d’Isonzo e Gorizia è la prima tappa di una serie di incontri che seguiranno nei prossimi mesi”. Ad alternarsi nelle due giornate di talk saranno 18 figure di rilievo nel mondo delle arti visive, come Giulia Bianfore, direttrice dal 2019 dello Studio G/ di Bologna, Pavla Jarc, direttrice del Kulturni Dom di Nova Gorica (Slovenia), l’artista Maria Elisabetta Novello, la cui ricerca sul tempo e la trasformazione si riflette anche nell’elaborata scelta dei materiali utilizzati. A loro si aggiungono anche Branka Bencic, direttrice del MMSU – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rijeka (Croazia) e gli artisti Isabella Pers, Michele Spanghero, le curatrici Francesca Agostinelli e Sonia Belfiore, la fondatrice di Galleria Rizzo, Michela Rizzo e il collezionista Gino Colla (per citarne solo alcuni). A conclusione del meeting, sarà presentato un evento espositivo con opere di alcuni artisti under 30 del Friuli, visibile sino al 30 settembre presso i Musei di Borgo Castello, a Gorizia.

Valentina Muzi  

Together/insieme 
Arte contemporanea FVG in dialogo
Simposio n’1

​