Restyling del Castello Carrarese di Padova. Arriva nuovo museo con ristorante 

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 26 secondi


Si è conclusa la trattativa che vedeva legati i proprietari del palazzo dell’ex Rinascente di Padova (la famiglia Tabacchi) e il Comune, il quale ha ceduto ai privati il vincolo sull’ultimo piano dell’immobile. “È un risultato molto importante perché grazie a questo accordo con la proprietà dell’edificio raggiungiamo vari obiettivi”, spiega l’assessore alle attività produttive, Antonio Bressa, riportato da Il mattino di Padova.Così “anche il secondo e il terzo piano saranno affittati, completando la rinascita dell’immobile che solo qualche anno fa temevamo potesse diventare un buco nero in pieno centro storico”. Un’operazione importante da parte del Comune, che così assisterà alla nascita di un nuovo polo culturale grazie all’investimento di 1,5 milioni di euro che i Tabacchi hanno stanziato per “trasferire” il loro spazio espositivo dall’ex Rinascente al Castello Carrarese.

Castello Carrarese, Padova

Il nuovo museo (e ristorante) del Castello Carrarese di Padova

Secondo indiscrezioni, probabilmente ad animare l’ultimo piano dell’ex Rinascente di Padova sarà la Virgin Active, la nota catena di centri fitness. Quindi, mentre gli appassionati potranno allenarsi con vista su Listòn e piazza Garibaldi, le mostre saranno trasferite nella rocca Carrarese, dove saranno realizzati spazi espositivi con tanto di ristorante in terrazza. Un’operazione di riqualificazione dell’edificio (attualmente inutilizzato) all’interno di uno dei più importanti beni storici di Padova. “Si tratta dell’edificio a fianco dell’ex chiesa, in passato utilizzato per la produzione di biciclette affidata ai detenuti”, si legge sul quotidiano locale, dotato di “una superficie di circa 400 metri quadrati” che sarà trasformato in “uno dei poli culturali e turistici più importanti della città”, conclude l’Assessore Bressa. 

Il Castello Carrarese di Padova

Il Castello Carrarese di Padova è un antico edificio che sorge sull’area che un tempo ospitava il castello fatto costruire da Ezzelino III da Romano, tiranno della città dal 1237 al 1256, come perno difensivo della cinta muraria duecentesca. Caduto il tiranno, le fortificazioni furono abbandonate fino alla signoria dei Carraresi: questi fecero ricostruire il Castello, oltre a far dipingere le torri a scacchi bianchi e rossi. Successivamente, il Castello venne collegato all’omonima reggia con un passaggio sopraelevato che aveva la funzione di unire i centri del potere politico e militare. Infine, a seguito di un lungo periodo di pace sotto il dominio della Repubblica di Venezia, il valore strategico della rocca venne meno e venne ribattezzato Castel Vecchio di Padova. Adesso, questo monumento rivivrà grazie all’intervento di restyling della famiglia Tabacchi, che ha visto un grande potenziale negli spazi del Castello, offrendo così al pubblico l’opportunità di fruire diversamente uno dei luoghi storici più importanti della città. 

Valentina Muzi 

L’articolo “Restyling del Castello Carrarese di Padova. Arriva nuovo museo con ristorante ” è apparso per la prima volta su Artribune®.

​