Zasha Colah sarà la curatrice della prossima Biennale di Berlino 2025

Tempo di lettura ca.: 57 secondi


La Biennale di Berlino ha la sua nuova curatrice. La manifestazione, inizialmente prevista per il 2024 ma slittata all’estate 2025, sarà guidata per la 13a edizione da Zasha Colah (Mumbai, 1982). L’annuncio è di Gabriele Horn, direttore della Biennale, le cui date precise saranno annunciate solo a fine anno.

Chi è Zasha Colah, curatrice della biennale di Berlino 2025

Colah ha lavorato per anni tra Mumbai e Berlino, dove ha seguito, curato e ideato diversi progetti artistici. È stata curatrice allo JNAF/CSMVS Museum e alla National Gallery of Modern Art di Mumbai, dove ha fondato la Clark House Initiative, un’associazione composta da artisti e curatori che riflettono sul tema della libertà in campo artistico. Nel 2017 è stata co-curatrice della terza Biennale di Pune dal titolo Habit-co-Habit. Artistic Simulations of Some Everyday Spaces in India, e l’anno successivo ha lavorato nel team curatoriale della della 2ª Biennale di Yinchuan Starting from the Desert. Ecologies on the Edge in Cina. 

Gli studi di Colah l’hanno portata ad ottenere un dottorato alla Sapienza di Roma nel 2020, con un focus sull’illegalità delle pratiche meta-espositive in Indo-Myanmar dagli anni Ottanta. Da gennaio 2023 è la direttrice artistica di Ar/Ge Kunst, associazione che da 38 anni si occupa di arte contemporanea e architettura a Bolzano, insieme a Francesca Verga. Sul futuro della sua direzione, l’istituzione ha commentato che “nei primi sei mesi alla direzione artistica di Ar/Ge Kunst, Zasha Colah e Francesca Verga hanno co-curato il programma di mostre ed eventi, commissionato la realizzazione di una nuova architettura espositiva, un nuovo sito web, definito strategie di comunicazione e fundraising, e una serie di pubblicazioni. Il programma di Ar/Ge Kunst continuerà a essere guidato da entrambe le direttrici artistiche”.

Gloria Vergani

<p>L’articolo “Zasha Colah sarà la curatrice della prossima Biennale di Berlino 2025” è apparso per la prima volta su Artribune®.</p>

​